Menu principale

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

tecniche 

TECNICHE ENERGETICHE

Sono utilizzate diverse modalità: la tecnica di sfioramento dei punti di tensione sweet touch, purificazione dei canali energetici chakras con cristalli, l’allineamento interiore, il rilassamento guidato e la tecnica immaginativa tutti utili per aumentare la chiarezza mentale e imparare a leggere i messaggi che il corpo ogni giorno ci invia.

Tecnica energetica di sblocco emotivo 

E' una tecnica che consiste nel concentrarsi su un problema e contemporaneamente stimolare alcuni punti del corpo situati lungo i Meridiani energetici. È efficace in un'ampia gamma di problemi come ansietà, paure, basso livello di autostima, dipendenza da sostanze come cibo e sigarette, convinzioni limitanti, sofferenze fisiche ed emozionali. Si è potuto constatare che questa tecnica è in grado di correggere le interruzioni e i blocchi nel sistema energetico del corpo, con risultati permanenti. 


TECNICHE CORPOREE

Si spazia dall’aromaterapia alla reflessologia (piede, viso, mani), al micromassaggio reattivo fino al massaggio curativo integrato (skin-roll) per alleggerire il corpo dai sintomi più acuti ed incrementare la comunicazione energetica con la mente.

TECNICHE EMOZIONALI CREATIVE

Un percorso di crescita personale e conoscenza di sé che permette di entrare in contatto con le proprie emozioni ed elaborare i propri vissuti attraverso l’utilizzo dei materiali artistici.

Nelle sedute di arteterapia la persona ha l’opportunità di entrare in contatto con il proprio mondo interiore, nel momento in cui le sensazioni si traducono in un atto artistico ha inizio un processo di autocomprensione più profonda, in cui l’arteterapeuta è di aiuto e di sostegno.

Il linguaggio delle immagini è sincero e immediato, l’oggetto creativo è in grado di evocare il passato, di immaginare un futuro e di dare al presente tutta la sua ricchezza e intensità.
 

 

LA TECNICA CRANIOSACRALE

E' una terapia olistica manuale, derivante dall'osteopatia, che sfrutta i movimenti naturali delle ossa craniche e dei fluidi corporei, per riportare la salute in tutto l'organismo. Il primo ad utilizzarla fu l'osteopata americano William Garner Sutherland, il quale agli inizi del ‘900, mentre osservava le ossa del cranio, ne scoprì impercettibili movimenti. I suoi studi, poi, rivelarono che tutte le strutture del corpo umano (tessuti, fluidi e cellule) sono dotate di sottili movimenti intrinseci, con ritmi e caratteristiche differenti, che Sutherland definì "Respirazione Primaria" (o meccanismo respiratorio primario) e che rappresenta la diretta espressione della salute. Operando con la tecnica craniosacrale attraverso le mani si percepiscono o meglio "sentono" tali sottili movimenti, mettendosi in ascolto dei quali si è in grado di favorire lo sblocco dei punti di tensione (restrizione), permettendo il fluire armonico del ritmo, legato alla corrente generata dal passaggio dei fluidi corporei, specificamente del liquido cefalorachidiano (elemento fluido in cui "galleggiano" il nostro nevrasse e il midollo spinale). Tutta questa struttura è immersa nel liquido e vi fluttua, avendo una stabilità continua e resistendo ad ogni insulto o trauma che la può colpire. Il liquido cefalorachidiano ha una conduzione elettrica, cioè proprio perché scorre lungo un canale e per la sua funzione di passaggio di ioni è un vero e proprio campo elettromagnetico che si può squilibrare perché alcuni ioni passano in eccesso o vengono accumulati.

La tecnica craniosacrale, proprio per la sua caratteristica "energetica", permette di mettersi in ascolto delle pulsazioni che provengono dal distretto nervoso e riportarle all'equilibrio, "suggerendo" un ritmo fisiologico.  L'obiettivo è riportare la quiete dove non c'è più. Durante una sessione, le mani vengono poste sulle ossa del cranio (sotto la testa, sulla fronte), lungo la spina dorsale, sul bacino e sull'osso sacro, a livello dei diaframmi (di tronco e arti inferiori) e ovunque si percepisce che lì è presente una restrizione o tensione. L'operatore per tutta la durata della sessione, ascolta, segue, invita con l'intenzione, propone un cambiamento al sistema corpo-mente, per permettere che si manifesti nei tessuti della persona un meccanismo autocorrettivo che riporti in equilibrio il sistema craniosacrale.

Recommend this page to a friend! Prepare to print

Foto random

nationalgeographic10.jpg
linfocitaT-microscscansione.jpg
932-acqua-3.jpg

Cerca nel Sito