Menu principale

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Counter

« 1 2 (3) 4 5 6 »
NEWS : percorsi di consapevolezza
Inviato da Studio Essere il 2/3/2016 15:00:00 (421 letture)

La BELLEZZA e’ un sistema energetico in cui l’amore viene propagato mediante vibrazioni luminose....essa dimora nel giardino interiore di ognuno, che va coltivato, custodito, amato ogni giorno...

Risultati immagini per bellezza natura

PERCORSO DI CONSAPEVOLEZZA

BELLE DENTRO E FUORI

Leggi tutto...
NEWS : angeli
Inviato da Studio Essere il 20/12/2015 15:00:00 (549 letture)

ANGELI

Esistono molte rappresentazioni degli angeli: con le ali, come dei bambini… ma chi sono gli Angeli veramente? La mente razionale cerca di descriverli e di dare loro una forma, un genere, un’età, ma come si può delimitare ciò che non è visibile all’occhio umano?! Gli Angeli sono vibrazioni elevatissime di luce, infiniti pixel di energia accanto a noi

Leggi tutto...
NEWS : yoga invernale
Inviato da Studio Essere il 6/12/2015 18:49:49 (411 letture)

Yoga invernale

Risultati immagini per inverno   Nel periodo freddo l'energia del corpo subisce un fisiologico rallentamento. Secondo le medicine orientali, tenere in equilibrio i reni e la regione lombare favorisce la vitalita' e il flusso di energia corporea e a livello emotivo promuove la volonta' e la creativita' della persona. Insieme a una buona alimentazione, ricca dei cibi stagionali che la natura ci regala, si possono eseguire questi semplici esercizi di Yoga, cosi' da armonizzare corpo e mente ed aiutare lo spirito ad elevarsi

 

Per dare energia all'apparato respiratorio

Mridanga Kriya

Seduti in posizione comoda con il busto diritto, inspirando picchiettare con i polpastrelli a martelletto tutto il petto e la zona toracica. Espirando battere la stessa zona con il palmo piatto. Questa asana è particolarmente consigliata in inverno perché purifica i bronchi e libera gli alveoli polmonari.

Per aiutare il flusso energetico dei reni 

Makarasana parziale

Dalla posizione bocconi, gambe distese e rilassate, incrociare le braccia appoggiare le mani sulle braccia e appoggiare il mento nell'incrocio dei polsi. Mantenere per alcuni respiri nello stretching dolce della zona lombare e nell'esperienza respiratoria della zona allungata. Questa facile asana agisce su tutto l'apparato urinario rinforzandolo.

 

 

 

NEWS : Pratica Yoga
Inviato da Studio Essere il 1/7/2015 8:54:34 (488 letture)

Esercizi di pratica Yoga per favorire il sonno

Le persone possono avere difficoltà a rilassarsi e a stare comode a letto per tante ragioni; spesso, per esempio, l’ambiente della camera da letto non favorisce il sonno e per questo e' importante riarmonizzare lo spazio che si abita (space clearing). Un altro problema ha a che fare con i muscoli stretti e, dopo una lunga giornata, un po’ di stretching può aiutare ad allentare le tensioni e a prepararsi per dormire piu' rilassati. Nella pratica yoga possono essere eseguiti in particolare due tipi di esercizi che, peraltro, si possono fare proprio nel letto:

Twist

– siediti sul letto e incrocia le gambe;

– gira il corpo verso sinistra e cerca di guardare direttamente al di sopra della spalla;

– respira profondamente;

– ripeti l’esercizio girandoti verso destra e guardando al di sopra della spalla;

– ripeti la sequenza almeno due volte.

Stretching: numero 4

– siediti sul letto, allunga le gambe e raddrizza completamente la schiena;

– piega la gamba destra verso l’interno, fino a adagiare la caviglia sul ginocchio dell’altra gamba. Questa configurazione si presenta come il numero 4;

– posiziona la mano destra nel centro del numero 4 e la mano sinistra sulla parte esterna della gamba sinistra;

– solleva delicatamente la gamba sinistra verso il petto;

– dovresti cominciare a sentire uno stiramento nel gluteo destro;

– ripeti l’esercizio con l’altra gamba;

– ripeti la sequenza almeno due volte.

 

yoga bed

 

NEWS : PET THERAPY
Inviato da Studio Essere il 22/4/2015 11:10:00 (556 letture)

E' una terapia che ha per principio la capacità dell’animale di stabilire un solidale legame empatico con l'uomo.

E' una metodologia multidisciplinare che coinvolge medicina, psicologia e veterinaria. Il termine inglese "pet" indica l'animale domestico e da compagnia, deriva dal termine "petty" (piccolo) che ha però origine latina dalla diffusione del termine francese "petit" (piccolo).

Il processo di identificazione tra paziente e animale domestico "pet" (cani, gatti, cavalli, ecc.) permette ottimi risultati terapeutici. Ad es. l’ippoterapia è molto efficace per pazienti con handicap psichici o fisici. Nell’autismo, in cui ci sono gravi disturbi della sfera affettivo-relazionale, il cane o il delfino favoriscono progressi clinici grazie all'instaurarsi di una comunicazione non verbale ma mimico-gestuale, in cui l’animale assume il ruolo di soggetto transizionale tra mondo interiore e mondo esteriore.

mare

La pet therapy viene inoltre impiegata per infondere nel bambino capacità creativa, sicurezza, miglioramento della comunicazione non verbale, rifiuto di ogni specismo; in molti reparti pediatrici - anche in Italia - per favorire la riduzione dei tempi di ricovero; nelle carceri per migliorare le relazioni interpresonali e ridurre il rischio di periocolosità.


« 1 2 (3) 4 5 6 »

Benvenuto nella Natura

 "L'Omeopatia è il metodo terapeutico più avanzato e raffinato che consente di trattare il paziente in modo economico e non violento".
 (Mahatma Gandhi)

La Medicina Omeopatica si avvale di strumenti terapeutici naturali e non invasivi (il medicinale omeopatico diluito e dinamizzato) per guarire il malato non solo dalla patologia acuta e/o cronica, ma per restituire, allo stesso, quello stato di benessere ed equilibrio psicofisico necessario per una crescita sana e costruttiva del proprio essere.
L’Omeopatia è la “Medicina dei simili”, basata sul principio ippocratico “Similia similibus curentur”.  Cura i sintomi di un paziente con sostanze (rimedi) che, se somministrate in dosi  infinitesimali ad un uomo sano, sviluppano  sintomi simili a quelli che si andranno a curare nella persona malata.
La capacità di provocare sintomi  patologici artificiali e reversibili nell’uomo sano e  di curare gli stessi sintomi nel malato utilizzando  sostanze opportunamente diluite e dinamizzate è stata intuita dal Dr. Cristiano Federico Samuele Hahnemann (nato a  Meissen l’11/04/1755 e morto a Parigi il 02/07/1843), che ha codificato i principi del metodo e curato le stesure delle prime sperimentazioni.

Foto random

fioredicactus
Salta_nella_primaverayoga.jpg
dna-structure.jpg

Cerca nel Sito