Menu principale

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Counter

« 1 ... 3 4 5 (6)
NEWS : medicina naturale
Inviato da Studio Essere il 20/2/2012 10:50:00 (1135 letture)

Attaccare o fuggire fanno parte dello scontro. Quello che non appartiene alla lotta è restare paralizzati dalla paura.

Paulo Coelho, Il Cammino di Santiago, 1987

 

Paura - Ansia - attacchi di panico

Si tende a confondere i termini paura, attacco di panico, ansia, angoscia; è essenziale chiarire e fare distinzione fra le diverse emozioni che a volte possono essere contemporanee.
L'ansia è un eccitamento fisiologico dell’organismo, più leggero della paura e costante. Provare ansia significa sentirsi continuamente all'erta, ingigantire il valore dei fatti, vivere le situazioni con una intensità emotiva assillante e discordante con la realtà, essere troppo vulnerabili per rispondere in modo opportuno agli stimoli e alle pressioni ambientali. Occorre poter sostenere un certo grado di ansietà interna per essere creativi o anche solo per sopravvivere nel mondo con una certa sicurezza, forza, autostima.
L’angoscia è uno stato doloroso dilagante e persistente; quest’emozione intensa di dolore e insicurezza insieme si insinua nell’animo quando tutto è vissuto come immutabile, triste e sembra impossibile progettare la propria vita.
La paura e il panico li si può distinguere solo dalla presenza o meno del pericolo reale.
Per comprendere un attacco di panico è indispensabile riallacciarsi alla paura, un’emozione che ci avverte quando siamo di fronte a pericoli reali, generando risposte adeguate a proteggerci e mantenerci in salute. La paura, pur provocando sensazioni spiacevoli è un alleato importante, una spinta a mobilitarci e seguire le reazioni difensive istintuali; queste reazioni sono decisioni prese rapidamente e intuitivamente dalla mente che, per essere appropriate alla natura del pericolo, possono risultare molto diverse fra loro. E’ importante non confondere questo sentimento primordiale forte e chiaro che fa parte dell’istinto di sopravvivenza con le innumerevoli paure infondate, fobie e fantasie catastrofiche in cui intrappoliamo noi stessi nella vita di tutti i giorni.

Leggi tutto...
NEWS : Notizie sulla salute
Inviato da Studio Essere il 21/6/2011 17:20:00 (1629 letture)

IL DRENAGGIO EMUNTORIALE

In fitoterapia, gemmoterapia ed omeopatia, il drenaggio è considerato un momento molto importante, poiché mette l'organismo nella condizione di recuperare l'equilibrio e di rispondere meglio alla situazione successiva...

- GLI ENZIMI

- INTESTINO - RIMEDI A BASE DI ALIMENTI

Leggi tutto...
NEWS : FILOSOFIA DELLA MEDICINA
Inviato da Studio Essere il 8/6/2011 15:40:00 (883 letture)

        FILOSOFIA NELLA MEDICINA

            

La vera temperanza e la vera salute                         

Platone dice giustamente che, in tutte le cose relative al piacere e al dolore, a differenza degli uomini stolti, il filosofo, ossia colui il quale percorre veramente la via della salute, cerca di liberare più che può la sua anima dalla comunanza con il corpo, e perciò dalla relazione con i piaceri e con i dolori, perché entrambi sono di impedimento all’attività libera dell’anima, alla contemplazione, la quale non può avvenire finché l’animo conserva una relazione condizionante con il corpo, o peggio, si protende verso di esso in modo errato ricercando il piacere..

Leggi tutto...
NEWS : Articoli medicina psicosomatica
Inviato da Studio Essere il 30/3/2011 21:10:00 (36868 letture)

Medicina Psicosomatica

Lacordesensible-magritte

Sin dai tempi di Ippocrate alcuni medici erano convinti dell’esistenza di una relazione mente-corpo, ma l’avvento della psicoanalisi portò al pieno sviluppo questa idea e favorì l’emergere della Medicina Psicosomatica come movimento organizzato.

L’importanza degli eventi di vita nei confronti della salute ha sempre avuto un riconoscimento in medicina e venne teorizzata per la prima volta in psicologia da Breuer e Freud negli “Studi sull’isteria” (1892-95).

L’ottica psicosomatica interpreta la malattia come linguaggio del corpo e il sintomo come messaggio di un disagio della persona. Questo messaggio viene letto secondo la cronologia della storia personale nell’ambito familiare e ambientale, cogliendo l’analogia tra la funzione dell’organo colpito e la funzione psichica corrispondente ivi rappresentata simbolicamente. In parole più semplici: la mente non risolve un conflitto (perché l’individuo non riesce, perché non vuole, perché non può..) e demanda tale nodo da sciogliere al corpo, affinché lo compensi. Tuttavia il corpo si fa portatore del disagio fintanto che riesce a sopportarlo, dopodiché giunto ad un culmine, lancia segnali di aiuto (sviluppo del sintomo). Imparare a leggere il sintomo significa cercare di risolvere i propri conflitti e superarli ritrovando un giusto benessere.

Insonnia

Capelli: calvizie e alopecia

Alitosi

Aerofagia e meteorismo

Disturbi agli occhi

Patologie tiroidee

Iperidrosi

L'allergia..alcuni significati psicosomatici

Il mal di testa..elementi di riflessione

Malattie respiratorie: l'asma 

Leggi tutto...
NEWS : PERCORSI DI ARTETERAPIA
Inviato da Studio Essere il 25/3/2010 18:30:00 (1091 letture)

ARTETERAPIA: una tecnica emozionale per conoscersi

L'arte terapia sfrutta la creatività innata di ogni individuo per fare emergere e rappresentare emozioni, sensazioni e bisogni inconsci utilizzando un linguaggio non verbale: il linguaggio delle immagini, le nostre compagne silenziose, è sincero e immediato

 

Avvicinarsi all'arteterapia può diventare un pecorso di crescita personale e conoscenza di sè, che permette di elaborare i propri vissuti attraverso l'utilizzo dei materiali artistici, seguendo ciò che si sente interiormente con spontaneità.

Il ruolo dell'arteterapeuta è quello di facilitare la relazione, garantire un ambiente protetto in cui la persona può esprimersi liberamente, fornire stimoli e suggestioni e facilitare l'uso dei materiali e delle tecniche.

composizioneW.Kandinskij 

E' indicata per tutti coloro i quali desiderano affrontare situazioni di malessere fisico o mentale, problematiche relazionali, momenti di cambiamento o di perdita e per i bambini che così possono superare situazioni di disagio attraverso il gioco, con le immagini e i colori. 

 

 

 

 

 

Leggi tutto...
« 1 ... 3 4 5 (6)

Benvenuto nella Natura

 "L'Omeopatia è il metodo terapeutico più avanzato e raffinato che consente di trattare il paziente in modo economico e non violento".
 (Mahatma Gandhi)

La Medicina Omeopatica si avvale di strumenti terapeutici naturali e non invasivi (il medicinale omeopatico diluito e dinamizzato) per guarire il malato non solo dalla patologia acuta e/o cronica, ma per restituire, allo stesso, quello stato di benessere ed equilibrio psicofisico necessario per una crescita sana e costruttiva del proprio essere.
L’Omeopatia è la “Medicina dei simili”, basata sul principio ippocratico “Similia similibus curentur”.  Cura i sintomi di un paziente con sostanze (rimedi) che, se somministrate in dosi  infinitesimali ad un uomo sano, sviluppano  sintomi simili a quelli che si andranno a curare nella persona malata.
La capacità di provocare sintomi  patologici artificiali e reversibili nell’uomo sano e  di curare gli stessi sintomi nel malato utilizzando  sostanze opportunamente diluite e dinamizzate è stata intuita dal Dr. Cristiano Federico Samuele Hahnemann (nato a  Meissen l’11/04/1755 e morto a Parigi il 02/07/1843), che ha codificato i principi del metodo e curato le stesure delle prime sperimentazioni.

Foto random

cristalli
932-acqua-3.jpg
catroom.jpg

Cerca nel Sito