Menu principale

Login

Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!

Counter

« 1 (2) 3 4 5 ... 9 »
NEWS : Posizioni Yoga
Inviato da Studio Essere il 16/7/2018 16:50:00 (73 letture)

POSIZIONI YOGA

Le ricerche scientifiche stanno dimostrando quello che da migliaia di anni gli antichi yogi sapevano bene: chi pratica Yoga almeno 3 volte a settimana può ridurre la pressione del sangue e, quindi, il rischio di malattie cardiache. Lo yoga favorisce il benessere delle arterie, migliorandone la funzione di contrazione ed espansione, prevenendo cosi' l'accumulo di placche e facendo fluire il sangue in maniera piu' armoniosa.

Certamente la pratica fa la differenza, ma non servono anni di yoga: anche venti minuti tre volte a settimana bastano ad alleggerire le pressioni della vita e aiutare il cuore. Ecco alcune posizioni Yoga per gestire lo stress del cuore. Mantieni ogni asana per 5 cicli di respiro. Buon Yoga a tutti!

Immagine correlata

TADASANA: POSIZIONE DELLA MONTAGNA - In posizione eretta, piedi uniti (per facilitare la posizione, tenere i piedi leggermente divaricati), gambe tese, busto diritto, braccia leggermente discostate dal corpo, mani tese. Contrarre tutto il corpo, dai talloni alla nuca, compresi i glutei. Le braccia sono tese, verso terra, lungo il corpo. Percepire il peso del corpo che si scarica, uniformemente, sui piedi. Restare immobili in questa posizione per qualche minuto, ascoltando il proprio respiro.

Immagine correlata

BHUJANGASANA: POSIZIONE DEL COBRA - Dalla posizione prona, unire le gambe, allungando i piedi sul loro dorso; appoggiare la fronte a terra e le mani ai lati del torace, piegando i gomiti; la posizione inizia strisciando sl pavimento la fronte, il naso, la bocca, ruotando ben indietro il capo;sollevare poi il busto, lasciando l'ombelico a contatto del pavimento e le braccia piegate, avvicinando i gomiti al busto; restare 3-4 respiri e tornare, appoggiando prima il mento, poi il naso e infine la fronte prima di sciogliere la posizione per un piccolo riposo. Ripetere altre 2 volte, aumentando di 1-2 respiri ogni volta.

Risultati immagini per PASCHIMOTTANASANA POSIZIONE

PASCHIMOTTASANA: POSIZIONE DELLA PINZA - E' UNA POSIZIONE DI ALLUNGAMENTO DEL DORSO. Sedersi a gambe unite e distese davanti; inspirando allungare la colonna verso l'alto e, espirando, flettersi in avanti, senza piegare le gambe e con le braccia abbandonate ai lati del corpo. Restare per 3-5 respiri e durante l'ultima espirazione, abbandonare anche il capo, il collo, le spalle e spingere le mani verso i piedi. Tornare, riposare e ripetere altre 2 volte, aumentando ognuna di 1-3 respiri.

 

Risultati immagini per ARTSA MATSYENDRASANA POSIZIONE

 

ARDHA MATSYENDRASANA - MEZZA POSIZIONE MATSYENDRA Per prendere questa posizione ci si siede a terra con le gambe distese in avanti ( Dandasana) , piegare la gamba destra portando il piede accanto al ginocchio sinistro , quando ci si sente stabili , si porta il piede destro all' esterno del ginocchio sinistro e nell'espirazione ruotare il busto, portando il braccio destro a terra dietro la schiena, per fare da supporto per mantenere la proiezione della spina dorsale verso l'alto . Adesso prendere il piede destro con la mano sinistra passando con il braccio sinistro all'esterno della gamba destra. si puo' intensificare la posizione piegando la gamba sinistra ( con il ginocchio a terra ) e portando il piede vicino al gluteo destro.

Ricordare sempre che praticare lo Yoga non significa farsi male e obbligare il fisico a posizioni dolorose, ma vuol dire portare il corpo dolcemente attraverso il respiro e con costanza ad assumere atteggiamenti piu' armoniosi. la nuova postura favorira' una condizione piu' salutare per la persona, volta a mantenere il suo benessere psico-fisico e spirituale.

Leggi tutto...
NEWS : DISINTOSSICARE LA MENTE E IL CORPO
Inviato da Studio Essere il 16/5/2018 15:30:00 (104 letture)

Detox mente e corpo

Ogni giorno produciamo tossine quando ingeriamo cibo, respiriamo aria e metabolizziamo sostanze a livello cellulare. Ma esistono tossine anche a livello emozionale, quando decine di migliaia di pensieri attraversano nel quotidiano la nostra mente. Noi pensiamo tutto il giorno e continuamente e ciò che pensiamo, nel bene o nel male, ha un immenso potere sul nostro stato emotivo, sulle nostre convinzioni, sulle nostre azioni, sulle esperienze e sul nostro corpo. I pensieri sono infatti legati alle emozioni e influenzano tutto il nostro essere, il nostro piano spirituale, quello emozionale, il mentale e il piano fisico. Infatti le nostre cellule sono consapevoli di tutti i pensieri che facciamo.

Le emozioni legate ai pensieri negativi diventano vere e proprie tossine nel nostro corpo ed esso, per stare in salute, deve espellerle proprio nel modo in cui elimina quelle metaboliche. Quando invece non riesce, quando ciò che non si esprime si imprime, la tristezza, la rabbia, la paura, il risentimento, la sfiducia, tutte queste emozioni si somatizzano. C'è sempre una correlazione tra il punto del corpo dove c'è un disagio e la costante emozione negativa divenuta tossina....

Immagine correlata

 

Leggi tutto...
NEWS : RIMEDI FLOREALI
Inviato da Studio Essere il 15/2/2018 9:10:00 (156 letture)

I RIMEDI FLOREALI - fiori di Bach - i fiori australiani, i californiani... - sono un valido aiuto per armonizzare gli stati emotivi e vengono usati con successo nella cura della maggior parte dei disturbi psicosomatici. Fanno parte dei rimedi vibrazionali, sostanze che entrano nel campo energetico della persona per riportarlo in equilibrio. Essi agiscono sul piano "sottile", ovvero sul versante energetico, favorendo l'armonia del nostro sistema psico-neuro-immuno-ormonale, cioe' corpo - mente e spirito. Le emozioni negative influiscono in maniera importante anche sul nostro piano fisico. Ecco alcuni rimedi per alleviare i sintomi di ansia, depressione, attacchi di panico, insonnia, sbalzi d'umore. 

Risultati immagini per bach flowers

Leggi tutto...
NEWS : PERCORSI DI CONSAPEVOLEZZA
Inviato da Studio Essere il 24/1/2018 13:40:00 (178 letture)

PERCORSI IN PROGRAMMA:

- NUOVO SPAZIO NUOVA ARMONIA - IMPARARE A EQUILIBRARE LE ENERGIE PERSONALI E DELL'AMBIENTE CHE VIVIAMO

- FOTOGRAFIA EMOZIONALE - PERCORSO DI COMPRENSIONE DELLE NOSTRE PECULIARITA' INTERIORI

- LE FREQUENZE DELLA SALUTE - MUSICHE E SUONI PER L'ENERGIA VITALE

- ASCOLTA LA TUA GUIDA INTERIORE - VISUALIZZAZIONI MEDITATIVE E MINDFULNESS

- PSICO TOUR - FIORI DI BACH E PSICOSOMATICA

 

Leggi tutto...
NEWS : VERDURE INVERNALI
Inviato da Studio Essere il 2/1/2018 16:20:00 (179 letture)

ALCUNE VERDURE DA CONSUMARE NEL PERIODO INVERNALE

In inverno il mondo vegetale ci riserva ottimi tipi di verdure, che hanno una struttura particolarmente idonea a trattenere le sostanze nutritizie. Basti pensare a tutte le crucifere, fatte a foglie chiuse una attorno all'altra, letteralmente un pacchetto di minerali ed enzimi disposti in una struttura frattale che li protegge e li valorizza.

Risultati immagini per VERDURE INVERNALI

Leggi tutto...
« 1 (2) 3 4 5 ... 9 »

Benvenuto nella Natura

 "L'Omeopatia è il metodo terapeutico più avanzato e raffinato che consente di trattare il paziente in modo economico e non violento".
 (Mahatma Gandhi)

La Medicina Omeopatica si avvale di strumenti terapeutici naturali e non invasivi (il medicinale omeopatico diluito e dinamizzato) per guarire il malato non solo dalla patologia acuta e/o cronica, ma per restituire, allo stesso, quello stato di benessere ed equilibrio psicofisico necessario per una crescita sana e costruttiva del proprio essere.
L’Omeopatia è la “Medicina dei simili”, basata sul principio ippocratico “Similia similibus curentur”.  Cura i sintomi di un paziente con sostanze (rimedi) che, se somministrate in dosi  infinitesimali ad un uomo sano, sviluppano  sintomi simili a quelli che si andranno a curare nella persona malata.
La capacità di provocare sintomi  patologici artificiali e reversibili nell’uomo sano e  di curare gli stessi sintomi nel malato utilizzando  sostanze opportunamente diluite e dinamizzate è stata intuita dal Dr. Cristiano Federico Samuele Hahnemann (nato a  Meissen l’11/04/1755 e morto a Parigi il 02/07/1843), che ha codificato i principi del metodo e curato le stesure delle prime sperimentazioni.

Foto random

libro E. Bach
frequenzevitali
huskylove

Cerca nel Sito